• Formazione

    Formazione

  • Consulenza

    Consulenza

  • Altri Corsi

    Altri Corsi

  • Altre Consulenze

0
0
0
s2sdefault

Lo Standard, pubblicato nel 2001, è stato progettato per proteggere il Consumatore fornendo una base comune per la certificazione delle aziende che forniscono imballaggi ai produttori alimentari.

COSA C'È DI NUOVO NELLA VERSIONE 6?

Lo sviluppo della versione 6 ha seguito un'ampia consultazione per comprendere le richieste delle parti interessate. 
Una revisione delle questioni emergenti è stata effettuata anche nel settore dell'imballaggio e nelle industrie che fornisce.
Le informazioni sono state sviluppate e riviste da un gruppo di lavoro composto da parti interessate internazionali che rappresentano diversi settori dell'industria manifatturiera dei materiali di imballaggio, retailer, proprietari di marchi, società di servizi alimentari, organismi di certificazione ed esperti tecnici indipendenti.

Le funzionalità chiave rimangono parte integrante dello standard, come ad esempio:

  • soddisfare le esigenze dei retailer e dei proprietari di marchi per ridurre l'onere dell'audit;
  • un migliore riconoscimento della diversità del settore dell'imballaggio e delle esigenze dei suoi clienti;
  • incoraggiare una maggiore trasparenza e tracciabilità nella catena di approvvigionamento;
  • incoraggiare l'adozione della norma come mezzo per migliorare la sicurezza dei prodotti in piccoli siti e strutture in cui i processi sono ancora in fase di sviluppo.

 
L'attenzione per questo problema è stata rivolta a:

  • migliorare i processi utilizzati dai sistemi di gestione della qualità nei controlli degli imballaggi stampati e attraverso un approccio all'analisi dei pericoli e dei rischi;
  • continuare a garantire la coerenza del processo di audit in tutto il mondo;
  • l'importanza di una sicurezza dei prodotti e di una cultura della qualità nel tentativo di migliorare la trasparenza e la coerenza lungo la catena di approvvigionamento alimentare;
  • semplificare i requisiti di igiene basati esclusivamente sul rischio;
  • introdurre una nuova clausola fondamentale, azioni correttive e preventive, per affrontare i problemi e minimizzare il rischio che si verifichino;
  • basato sul rischio, mettendo in atto un programma di monitoraggio ambientale microbiologico;
  • semplificando il programma di audit senza preavviso.

I requisiti della versione 6 si sono evoluti rispetto a quelli delle versioni precedenti. Si continua a porre l'accento sull'impegno della Direzione, un programma di sicurezza dei prodotti basato sull'analisi dei pericoli e dei rischi e un Sistema di Gestione della Qualità a supporto. L'obiettivo è stato quello di orientare il focus dell'audit verso l'implementazione di buone pratiche di produzione all'interno delle aree di produzione, riconoscendo al contempo la diversità e l'ampiezza del settore dell'imballaggio e le competenze necessarie per verificarlo.


Checklist per revisori e strumento di autovalutazione del sito

Uno dei primi passi nella preparazione di un audit è un'autovalutazione o un'analisi del gap per identificare le aree per una preparazione aggiuntiva. BRC ha sviluppato uno strumento di autovalutazione per aiutare con questo processo, disponibile in diverse lingue.

Scarica qui la Chech-List in Lingua Italiana

Fonte: https://www.brcgs.com


Partners

 
 
 
 

News

Vedi tutti

Corsi in Partenza

Vedi tutti

Newsletter

Calendario

loader